CONTRIBUTI FINO AL 60% PER ACQUISTO DI BENI E INDUSTRIA 4.0

Interconnessione 4.0

Il 2021 è l’anno giusto per affrontare investimenti aziendali, in particolare per l’acquisto di nuovi beni strumentali, macchinari, impianti, attrezzature commerciali e industriali, software e tecnologie digitali.

Infatti la nuova legge Sabatini, prevede un contributo del 10,09% per le piccole e medie imprese, che desiderano rinnovare macchinari e attrezzature.

Questo contributo del 10,09%, può essere cumulato con il bonus sul credito di imposta per il piano impresa 4.0. Il credito d’imposta  può variare dal 50% al 30% in base al costo per la quota di investimenti ed è sfruttabile per gli investimenti sui beni oppure per l’interconnessione di impianti e macchine, in ottica Industry 4.0.

In alcuni casi quindi, si può arrivare ad un contributo del 60,09%.

Contattaci per approfondire.

Il WMS per la logistica adatto al tuo E-commerce

WMS per logistica di magazzino Ecommerce

Sappiamo bene che nei momenti di crisi nascono le opportunità. In questo particolare momento storico abbiamo visto una grande crescita dell’e-commerce nelle nostre aziende, dovuta principalmente alla ricerca di un’ancora di salvezza da parte di tante imprese che, tra lockdown e pandemia hanno cercato un metodo per restare a galla.

In molti casi le aziende si sono accorte di non avere ancora tutti i mezzi per gestire al meglio questo nuovo metodo di business. Una buona gestione della logistica di magazzino è diventata ormai fondamentale per restare al passo con i tempi e non navigare a vista. Il WMS per la gestione della logistica di magazzino di Quadrivium, è un software che offre tutte le soluzioni per migliorare la gestione delle vendite tramite E-commerce.

Lo stoccaggio della merce in modo ordinato e preciso, il picking ottimizzato e gestito in base alla rotazione dei prodotti, tutte le operazioni di packing e la gestione della spedizione sono dei processi indispensabili per garantire ai clienti un’evasione corretta, puntuale e rapida dei loro ordini.

Contattaci per approfondire l’argomento.

ASAR APP: IL WMS NELLE TUE MANI

ASAR APP: IL WMS NELLE TUE MANI

Oltre alla classica versione del WMS ASAR utilizzabile da desktop, abbiamo sviluppato l’applicazione ASAR APP.

Quest’app può essere utilizzata attraverso terminali in wifi con sistema operativo sia Android che IOS ed è sviluppata con l’intento di rendere operative le missioni che sono state lanciate da ASAR Console.

Tutti i tipi di missione logistiche possono essere eseguite all’interno di ASAR App: collocamenti, picking, abbassamenti, trasferimenti, assemblaggi, spedizioni, inventari; inoltre è possibile gestire i colli di spedizione (con l’ausilio di stampanti dedicate) in termini di marcatura e pesatura.

L’utilizzo dell’App consente di aumentare l’accuratezza dei dati trattati mediante la rilevazione diretta delle informazioni sul campo, avere in tempo reale le informazioni a disposizione, eliminare gli errori di digitazione.

Tutte le maschere possono essere personalizzate per reparto/utente.

Per ulteriori informazioni contattateci QUI.

BANDO DI CONCORSO CAMERA DI COMMERCIO TREVISO-BELLUNO

Bando di Concorso per la concessione di contributi alle PMI a sostegno di interventi per la digitalizzazione I4.0 - 3^ edizione

Le domande devono pervenire – in via telematica – dal 29 Marzo al 30 Novembre 2021

La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Treviso-Belluno, con lo scopo di promuovere la diffusione della cultura e della pratica digitale nelle micro, piccole e medie imprese (MPMI), di tutti i settori economici attraverso:

  • la diffusione della “cultura digitale” tra le MPMI della circoscrizione territoriale camerale;
  • l’innalzamento della consapevolezza delle imprese sulle soluzioni possibili offerte dal digitale e sui loro benefici;
  • il sostegno economico alle iniziative di digitalizzazione in ottica Impresa 4.0  implementate dalle aziende del territorio in parallelo con i servizi offerti dai Punti Impresa Digitale-PID,

ha indetto la terza edizione del Concorso.

Le agevolazioni previste dal Bando consistono in contributi a fondo perduto concessi ai sensi dei Regolamenti (UE) N. 1407/2013 e N. 1408/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013.

Chi può partecipare

Vi possono partecipare le microimprese, le piccole imprese e le medie imprese (in breve PMI) – così come definite nell’allegato I del Regolamento (CE) n. 800/2008 della Commissione del 6 agosto 2008, aventi sede legale e/o unità locali nella circoscrizione territoriale della Camera di commercio di Treviso-Belluno, in regola con il pagamento del diritto annuale e con la comunicazione di inizio attività.

Spese ammissibili

Il Bando prevede due Misure:

  • nella Misura A sono ammissibili i costi sostenuti per l’acquisizione di servizi di consulenza finalizzati all’introduzione delle tecnologie di innovazione tecnologica I4.0 nonché delle tecnologie propedeutiche e complementari.
  • nella Misura B sono ammissibili spese sostenute per l’acquisto dei beni strumentali di cui agli allegati A e B della legge 11 dicembre 2016, n. 232 e s.m.i.

Sono ammissibili gli interventi avviati dal 01.01.2021 nonché le spese sostenute fino al termine ultimo per la presentazione della domanda di contributo.

Dotazione finanziaria e Misure di Intervento

Il Bando è dotato di un fondo complessivo di € 522.000,00 e prevede l’erogazione di contributi a fondo perduto secondo i valori riportati nella seguente tabella:

Intensità del contributo

Il contributo massimo concedibile a ciascuna impresa sarà pari al 50% della spesa effettivamente ammissibile, al netto di IVA e di altre imposte e tasse.

Qualora l’impresa richiedente, alla data di pubblicazione del Bando, risulti in possesso dell’attribuzione del “Rating di Legalità”, fermo restando l’importo dell’investimento minimo, l’intensità dell’aiuto sarà pari al 60% della spesa ammissibile.

Presentazione delle domande

Il Bando è a “fase unica”, ovvero le imprese dovranno presentare la domanda di erogazione del contributo a interventi conclusi, producendo direttamente le fatture delle spese sostenute.

Le richieste di contributo, da redigersi utilizzando l’apposita modulistica, corredate dalla documentazione specificata nel Bando, devono essere inoltrate dalle ore 10:00 del 29.03.2021 alle ore 24:00 del 30.11.2021 esclusivamente in modalità telematica con firma digitale collegandosi all’indirizzo http://webtelemaco.infocamere.it, sezione “Servizi e-gov”, all’interno delle specifico sportello on line “Contributi alle imprese”.

La procedura informatica è in particolare descritta nel manuale “Istruzioni operative per la trasmissione telematica delle domande di contributo”, disponibile sin d’ora nel sito camerale, nella predetta pagina dedicata al Bando in argomento.

 

La mera trasmissione telematica può essere effettuata per il tramite del terzo incaricato, purché munito di espressa delega sottoscritta dal legale rappresentate della impresa richiedente ed allegata alla documentazione trasmessa.

Valutazione delle domande e ammissione al contributo

Le domande saranno esaminate dalla Camera di Commercio, eventualmente coadiuvata da esperti anche esterni, al fine di valutarne l’ammissibilità sia rispetto ai requisiti soggettivi e amministrativi previsti dal Bando, sia rispetto all’attinenza dell’intervento con le tematiche Impresa 4.0, nonché al possesso da parte dei fornitori dei requisiti previsti.

La valutazione delle domande, l’ammissione al Concorso e la contestuale erogazione del contributo avverranno in relazione al giorno di presentazione di ogni singola domanda.

Per la modulistica e altre informazioni, vi rimandiamo al sito della CAMERA DI COMMERCI DI TREVISO-BELLUNO.

Per saperne di più contattateci.

PERIZIA PER INDUSTRIA 4.0, QUALI SONO LE REGOLE E A CHI AFFIDARSI

PERIZIA PER INDUSTRIA 4.0, QUALI SONO LE REGOLE E A CHI AFFIDARSI

Grazie alla Legge di bilancio 2020, Iper e Super ammortamento sono stati convertiti in Credito d’Imposta, del quale possono usufruire le aziende che investono in nuovi beni strumentali.
Per le imprese che vogliono accedere al Piano nazionale Industria 4.0, la possibilità di sfruttare il credito d’imposta, è legata a nuovi investimenti in ambito tecnologico.

Necessaria per accedere a questo piano è la perizia tecnica fatta da un ingegnere o perito tecnico industriale, regolarmente iscritto all’albo. Questa perizia è obbligatoria per gli acquisti di valore superiore a 300.000 euro, anche se molto spesso viene redatta anche per le aziende che fanno investimenti inferiori; il motivo è dovuto al fatto che il documento stilato dal professionista ha valore legale e solleva l’imprenditore da qualsiasi responsabilità e possibili problematiche future (a differenza dell’autocertificazione).

Per essere certi di acquistare un bene (macchine C/N, PLC, linee di produzione, ecc…) che rientra nelle specifiche previste dal Piano nazionale Industria 4.0, è fondamentale che la perizia venga fatta da un professionista, in modo che non ci siano errori o dimenticanze che possono essere causa di problemi in fase di verifica.

Il perito farà una relazione approfondita che deve contenere una serie di informazioni, tra cui:

-il bene in questione deve essere dotato di caratteristiche tecniche tali “da includerlo negli elenchi di cui all’allegato A o all’allegato B annessi alla presente legge ed è interconnesso al sistema aziendale di gestione della produzione o alla rete di fornitura”;

-descrizione delle componenti tecniche del bene;

-costo del bene;

-software utilizzati;

-schemi elettrici;

-altre specifiche del macchinario (ecc…);

-a seguito di un’analisi tecnica si deve dichiarare che il bene in è effettivamente “interconnesso”.

Per saperne collegare le tue macchine contattaci QUI o visita la nostra pagina dedicata all’industria 4.0.

CRITICITA’ DELLA PIANIFICAZIONE CON EXCEL

LE 4 CRITICITA' DELLA PIANIFICAZIONE DI PRODUZIONE CON EXCEL
Inserimento ordini urgenti

A fronte di una richiesta urgente che va inserita nella pianificazione in corso, è troppo difficile, qualche volta impossibile, cambiare le priorità assegnate.

Imprevisti sulla linea di produzione

Fare spostamenti sulla pianificazione di produzione a causa di guasti a macchinari o assenza degli operatori, comporta la riorganizzazione di righe e colonne dell’Excel.

Mancanza materia prima

Scopri all’ultimo momento che ti manca del materiale per la produzione. Tutta la programmazione della produzione in Excel deve essere rivista.

Avanzamento commesse

Per conoscere lo stato di avanzamento di ogni commessa, devi recarti in produzione. Un file Excel per la gestione commesse, non è in grado di fornirti dati in tempo reale.

Quante volte, nella tua vita lavorativa, hai sperimentato/constatato:

  • quanto è difficile, impegnativo e lungo pianificare la produzione a mano o al massimo con un complicatissimo, e quasi sempre poco chiaro, foglio Excel;

  • come sarebbe bello velocizzare la produzione conservando, anzi aumentando, la certezza che si sta producendo tutto ciò che è necessario e lo si sta facendo ottimizzando al meglio le risorse;

  • quanto costano a tutta l’azienda i ritardi nella produzione e di conseguenza i malumori, se non peggio, dei clienti che ricevono la merce in ritardo;

  • quanto è complicato sapere in tempi ragionevoli lo stato di avanzamento della produzione.

COSA TI PUO' AIUTARE?
Uno strumento automatico per programmare la produzione
Schedulatore delle attività produttive

Coerente con gli ordini sia interni che esterni

Coerente con le date di consegna

Coerente con la disponibilità delle risorse

In grado quindi di supportare gli approvvigionamenti e risultando sincronizzata con essi

In grado di assegnare le competenze ad ogni singola risorsa in base alla capacità dei singoli, al carico di lavoro già assegnato, ad eventuali date di non disponibilità 

In grado di supportare responsabili e/o capi reparto nella definizione di programmi macchina efficaci e dei conseguenti piani di lavoro

Programmabile per tipo di lavorazione e/o per commesse e relative fasi e sottofasi

Facile da modificare quando insorgono problemi o entrano ordini urgenti: devo poter riprogrammare l’attività – anche tutta – tenendo conto che debbo inserire queste novità in ciò che è già in lavorazione o semplicemente che è già pianificato. Diagramma di Gantt supportato da funzione “drag & drop”

Che fornisca tempi e stati delle varie lavorazioni, in modo istantaneo, non ambiguo e facile da interpretare, anche quelle che hanno legami con altre lavorazioni

Che permetta di visualizzare i carichi di lavoro della singola risorsa, così come del reparto o della linea di produzione

Per saperne di più CONTATTACI o clicca QUI.

LAYOUT DI MAGAZZINO: COS’E’ E A COSA SERVE

LAYOUT DI MAGAZZINO: COS’E’ E A COSA SERVE

Il layout di magazzino è la modellazione grafica del magazzino stesso.

Attraverso questo strumento possiamo capire la disposizione della merce all’interno dell’area, ottimizzare gli spazi e di conseguenza migliorare la produttività e ridurre gli sprechi.

L’obietto del layout è la realizzazione di una applicazione grafica che permetta la gestione di un magazzino, integrando i dati disponibili nel sistema informativo aziendale, il quale tiene traccia dell’ubicazione fisica dei prodotti. In pratica viene realizzato un motore grafico che elabora e rende i dati del DB in forma visiva.

Attraverso Asar Layout si possono posizionare graficamente strutture di stoccaggio, averne una vista globale, una vista per piano e una a scaffale; è possibile analizzare nel dettaglio strutture organizzate in piani e campate ed analizzare ciascuna cella.

E’ possibile inoltre effettuare missioni di trasferimento tra celle che poi i terminali operativi eseguiranno.

Utilizzare il layout di magazzino rende molto più semplice ed immediata la gestione dei prodotti, sia in entrata che in uscita.

Per saperne di più contattaci QUI.

INDUSTRIA 4.0: LA NOSTRA ESPERIENZA NELL’INTERCONNESSIONE DELLE MACCHINE

MES macchine interconnesse

Ormai da qualche tempo, una delle nostre attività principali è l’interconnessione delle macchine CN o PLC, in base ai criteri dell’industria 4.0, le 5 caratteristiche obbligatorie:

  • controllo per mezzo di CNC (Computer Numerical Control) e/o PLC (Programmable Logic Controller);

  • interconnessione ai sistemi informatici di fabbrica con caricamento da remoto di istruzioni e/o part program;

  • integrazione automatizzata con il sistema logistico della fabbrica o con la rete di fornitura e/o con altre macchine del ciclo produttivo;

  • interfaccia tra uomo e macchina semplici e intuitive;

  • rispondenza ai più recenti parametri di sicurezza, salute e igiene del lavoro.

E almeno 2 delle seguenti caratteristiche:

  • sistemi di telemanutenzione e/o telediagnosi e/o controllo in remoto;

  • monitoraggio continuo delle condizioni di lavoro e dei parametri di processo mediante opportuni set di sensori e adattività alle derive di processo;

  • caratteristiche di integrazione tra macchina fisica e/o impianto con la modellizzazione e/o la simulazione del proprio comportamento nello svolgimento del processo (sistema cyberfisico).

Nel corso degli anni, abbiamo lavorato con diverse aziende, nelle quali abbiamo interfacciato centinaia di macchine.

Qui di seguito riportiamo una lista di alcune tipologie di dispositivi che abbiamo incontrato nel nostro percorso:

  • Siemens
  • Omron
  • Eaton
  • Fanuc
  • Heidenhain
  • Selca
  • Haas
  • Mazak
  • Num
  • Rover
  • Sirius Electric
  • Ripress
  • Bosch
  • Finn-Power
  • Tiesse Robot
  • Arburg
  • Protek
  • Yaskawa
  • Robox

Per saperne di più CONTATTACI o visita la nostra pagina MES

Elimina gli errori di picking e aumenta la produttività del 600% grazie a Pick to Light

pick to light

Con gli strumenti pick to light l’innovazione è a portata di mano, infatti grazie ad una semplice installazione di un dispositivo elettronico provvisto di almeno un pulsante, un led ad alta luminosità e un display, l’operatore saprà sempre “dove”, “cosa” e “quanto” prelevare e/o depositare. Il tutto avendo le mani libere da fogli o terminali. Il sistema molto semplice e intuitivo, permettere di svolgere il picking in modo estremamente rapido e senza margine di errore.

Sembra difficile da credere, ma i controlli di produttività confermano questo ingente vantaggio dei sistemi di Pick to Light rispetto a quelli convenzionali. Questa tecnologia consente un aumento di produttività del 600% nei processi di Picking.

Negli ultimi anni è stato notato un aumento esponenziale di questi processi e i dati indicano la continuità di questa tendenza in settori come l’e-commerce, in ambito farmaceutico, cosmetico e molto altro, dove l’efficienza del picking e della classificazione dei prodotti riveste particolare importanza.

Grazie ai benefici offerti, sempre più aziende si affidano ai sistemi Pick to Light per l’evasione degli ordini, soprattutto con prodotti ad alta rotazione.

Questo sistema è rientrante tra i beni strumentali conformi ai requisiti riportati nell’Allegato A della Legge 11 Dicembre 2016, N. 232 “Legge di bilancio 2017″ (comma189). Pertanto tutti i costi di acquisizione possono essere portati in credito d’imposta del 40%.

Per ulteriori informazioni visita la nostra pagina PICK TO LIGHT o CONTATTACI

E’ TEMPO DI BILANCI

Business intelligence dashboard

Arrivati alla metà di questo turbolento 2020, è tempo di prendere in mano la situazione e fare dei bilanci sui primi 6 mesi di attività. Proprio a causa delle diverse anomalie di questo periodo, esaminare in modo accurato lo scenario attuale, si rende più che mai necessario per individuare nuove strategie per il futuro.

Il metodo migliore per fare un’analisi completa e precisa, è affidarsi ad un buon sistema di Business Intelligence (BI). Questi sistemi permettono di raccogliere dati, provenienti da diverse fonti, e di trarne informazioni preziose per l’azienda. In genere i dati vengono elaborati e successivamente presentati sottoforma di cruscotti o dashboard molto impattanti a livello visivo e semplici da interpretare per l’utente finale.

Avendo una situazione chiara dello stato delle cose e costantemente aggiornata, i responsabili riescono ad aggiustare il tiro e a prendere decisioni più performanti per la propria realtà.

Tenere monitorate costantemente le prestazioni aziendali attraverso la Business Intelligence permette, oltre ad ottimizzare i processi, anche di far emergere eventuali problemi o individuare aree e settori nei quali si possono migliorare i profitti, ridurre i costi…

Un altro importante ambito è quello dell’analisi dei comportamenti dei clienti, ad esempio consente di capire in quali zone territoriali funziona meglio un prodotto rispetto ad un altro, ecc… e quindi anche i piani commerciali possono venire ricalibrati in base ai risultati.

Non è da sottovalutare nemmeno la possibilità di individuare nuovi trend del mercato, in modo da puntare su iniziative e prodotti che possono avere maggior successo e lasciar perdere articoli che non sono in linea con la domanda dei clienti.

Per saperne di più sulla Business Intelligence di Quadrivium CLICCA QUI o CONTATTACI.

Categorie